Nuda proprietà: cos’è e quando conviene?

nuda proprietà

Di fronte alla crisi del mercato immobiliare e all’andamento dei mercati finanziari, in Italia si registra un aumento di interesse per la nuda proprietà.

Una guida in 7 punti ci spiega cos’è e perché e quando è diventata una soluzione interessante per venditori e acquirenti.

1. Cos’è la nuda proprietà?

La nuda proprietà è un diritto reale liberamente compravendibile che consente a chi vende di mantenere l’usufrutto dell’immobile, abitandolo o affittandolo. Colui che compra, maturerà il diritto di piena proprietà al decesso dell’usufruttuario o se previsto, al temine di un periodo prestabilito.

Quindi, concretamente, chi vende incassa la somma del prezzo della nuda proprietà, continuando a vivere nella propria casa, generalmente per tutta la vita.

2. L’usufruttuario

L’usufruttario è colui che gode del diritto, concessogli dal nudo proprietario, di utilizzare l’immobile per tutta la vita o entro un periodo prestabilito da un contratto. L’usufruttuario, che può essere una singola persona o una coppia, può affittare l’immobile o vendere l’usufrutto a terze persone entro i termini previsti nel contratto di vendita della nuda proprietà. Continuerà a pagare le imposte sull’immobile e le spese di carattere ordinario.

3. Il nudo proprietario

Il nudo proprietario ha il diritto di proprietà, ma non dell’utilizzo dell’immobile. Può in qualsiasi momento trasferire a terzi la nuda proprietà dell’immobile, ricavandone così un guadagno maggiore dato dalla rivalutazione dell’immobile sul mercato e dall’età progressiva dell’usufruttuario. In termini di spese, competono a lui esclusivamente interventi di carattere straordinario.

4. I vantaggi per il venditore

Chi vende gode del diritto di poter abitare la casa per tutta la vita, percependo nell’immediato un capitale che consente di vivere serenamente o supportare economicamente figli e nipoti.

5. I vantaggi per il compratore

L’acquisto della nuda proprietà è un investimento di medio-lungo periodo. Lo si acquista a un prezzo agevolato, in base all’età dell’usufruttuario. E con l’avanzare dell’età dell’usufruttuario il prezzo di mercato della nuda proprietà aumenta.

6. Calcolo sul prezzo di vendita

Partendo dalla valutazione di mercato dell’immobile, si applica un coefficiente basato sull’età del futuro usufruttario della casa. Tale coefficiente è fornito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze periodicamente, che lo rileva incrociando i dati statistici sulle aspettative di vita in Italia col tasso di interesse legale in vigore.

7. Trend in Italia

Negli ultimi 5 anni abbiamo assistito ad una crescita dell’offerta di circa il 3,5% di case in vendita in nuda proprietà.

L’acquisto molto più frequente a scopo di investimento suggerisce che l’età media di chi compra una casa occupata dal suo proprietario sia tra i 45 e i 60 anni (48%).

Il tipo di abitazione più spesso oggetto di questo tipo di compravendita è il trilocale (38%), seguita dal bilocale (33%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *