Cos’è la rendita catastale e a cosa serve per la vendita

La rendita catastale è un valore fiscale fondamentale che indica il reddito teorico medio che l’Agenzia delle Entrate attribuisce a un bene immobiliare in uno specifico momento storico.

Stai pensando di vendere casa?

Con RockAgent vendi il tuo immobile in 45 giorni.

Che cos’è la rendita catastale

Conoscere la rendita catastale è necessario per calcolare il valore catastale – ovvero la base imponibile per la riscossione di alcune imposte sugli immobili: imposte sulla casa (Imu e Tasi), imposte sul reddito delle persone fisiche, imposte di registro, imposte ipotecarie, imposte sulle successioni, imposte sulle donazioni e imposte utili alla compilazione del Modello ISEE.

La rendita catastale è definita in base a due elementi:

  1. Dimensione (consistenza) dell’immobile misurata sulla base della superficie, del numero dei vani e della volumetria;
  2. Tariffa di estimo unitaria relativa alla zona censuaria in cui è situato l’immobile e alla sua destinazione d’uso e classe catastale, attribuita dall’Ufficio Territoriale.

Il valore della rendita catastale si ottiene moltiplicando le dimensioni dell’immobile per la tariffa d’estimo unitaria. 

Nel caso degli immobili appena costruiti o comunque non ancora accatastati il valore della rendita catastale deve essere richiesto all’Agenzia del Territorio da un tecnico abilitato entro massimo 30 giorni dall’emissione del certificato di agibilità dell’immobile. Il valore comunicato in questa particolare situazione è chiamato “rendita proposta” o “presunta” ed è un valore provvisorio attribuito in attesa dell’indicazione del valore esatto. Se una compravendita immobiliare avviene con un valore di “rendita proposta” e poi il valore effettivo della rendita risulta maggiore, l’Agenzia delle Entrate applicherà la relativa maggiorazione delle imposte senza però emettere sanzioni. 

Conoscere la rendita catastale di un immobile serve al proprietario per avere consapevolezza dell’entità delle tasse da pagare, e in fase di compravendita immobiliare è utile ad un potenziale acquirente per sapere in anticipo le spese che dovrà sostenere comprando quella determinata casa.

Come si ottiene la rendita catastale di un immobile

La rendita catastale è indicata nella visura catastale, il documento rilasciato dall’Agenzia delle Entrate che riporta tutti i dati fondamentali di un immobile, ovvero il comune e la provincia in cui è ubicato, i dati di identificazione catastale (sezione, foglio, particella, subalterno), i dati di classamento (zona censuaria e microzona, categoria e classe catastale, superficie, consistenza e rendita catastale), i dati di intestazione per ciascun intestatario (dati anagrafici, codice fiscale, diritti e oneri reali) e la planimetria dell’edificio.

Se non si è in possesso della visura, è possibile ottenere i dati catastali anche direttamente dall’atto di rogito di un immobile oppure chiedendo una visura catastale a titolo gratuito tramite l’indirizzo o il nominativo del proprietario presso il catasto o l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate.

Dalla rendita catastale al valore catastale

La rendita catastale non va confusa con il valore catastale di un immobile, valore fiscale necessario per calcolare le tasse dovute per il possesso e/o l’acquisizione di un bene immobile. Il valore catastale non si riferisce al valore di mercato di un immobile, ma al suo valore ai fini tributari, mentre la rendita si riferisce al reddito autonomo prodotto dall’immobile. 

Il valore catastale di un edificio è un dato molto importante perché è alla base del calcolo della maggior parte delle imposte dovute allo Stato nelle operazioni di carattere immobiliare, oltre che per determinare le tasse municipali sugli immobili. Esso si ottiene moltiplicando la rendita catastale per un coefficiente fisso del 5% per gli immobili classificati A, C, D, E e del 40% per gli immobili di categoria B.

Il valore che si ricava va poi moltiplicato nuovamente per un coefficiente relativo alla categoria catastale dell’immobile, che varia quindi in base alla destinazione d’uso dell’edificio:

  • 110 per la prima casa:
  • 120 per i fabbricati appartenenti al gruppo A o C;
  • 168 per i fabbricati di categoria B;
  • 60 per i beni immobili nel gruppo A/10 e D;
  • 40,80 per i fabbricati delle categorie C/1 ed E;
  • 112,50 per i terreni non edificabili.</p>

Gli articoli più letti

Condividi