Imposta di registro, cos’è e come si calcola

Che cos’è l’imposta di registro

L’imposta di registro è una tassa che deve essere versata allo Stato a fronte della registrazione – per obbligo o per scelta – di un atto pubblico o privato, in particolare per la registrazione di ogni trasferimento di ricchezza o di un atto scritto (ad esempio un contratto, una scrittura privata, la costituzione di una società o una sentenza). Con la registrazione un atto diventa immodificabile nel contenuto e nella data, e viene riportato in ordine cronologico in un registro conservato presso un ufficio preposto all’Agenzia delle Entrate. L’imposta di registro va a remunerare lo Stato per la fornitura di questo servizio di garanzia ai privati.

Stai pensando di vendere casa?

Con RockAgent vendi il tuo immobile in 45 giorni.

La tassa di registro è un’imposta indiretta, poiché non si applica alla ricchezza prodotta, bensì unicamente a quella trasferita, e interessa i valori venali, cioè i valori di mercato dei beni e i valori patrimonialicitati negli atti. Alternativa all’imposta di registro come imposta indiretta è l’IVA, e infatti in genere la tassa di registro non si applica sulle operazioni già soggette all’IVA, come ad esempio l’acquisto di molti prodotti e servizi. Ci sono tuttavia delle eccezioni, come vedremo più avanti, previste in materia di locazione e cessione di fabbricati da ditte costruttrici.

Per quanto riguarda gli atti pubblici (ad esempio le cessioni immobiliari) o gli atti autenticati è direttamente il notaio che effettua la registrazione, ricevendo la tassa di registro che poi verserà all’Erario. Per i contratti di locazionee altri atti relativi agli immobili è invece attiva una procedura di registrazione interamente digitale tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Quando va pagata l’imposta di registro

L’applicazione della tassa di registro è regolata dal DPR n. 131/1986. Per legge, devono essere registrati tutti gli atti scritti stipulati in Italia, i contratti, anche verbali, che hanno per oggetto affitti, trasferimenti di azienda, di proprietà o di diritti reali (come il diritto di abitazione) e gli stessi atti stipulati all’estero. Il termine fisso per la registrazione è normalmente di 20 giorni, mentre i contratti di locazione e gli altri atti relativi a diritti sugli immobili hanno un termine di 30 giorni e gli atti stipulati all’estero di 60 giorni.

Come si calcola l’imposta di registro

La tassa di registro può essere calcolata applicando un’aliquota percentuale o in misura fissa, in base a tariffe stabilite per legge. La base imponibile, cioè la cifra sulla quale viene calcolata l’imposta, varia a seconda del tipo di atto. Vediamo quali sono i casi più comuni.

Imposta di registro per la prima casa

In caso di compravendita della prima casa, l’imposta di registro varia a seconda che l’acquisto sia effettuato da un privato o da una società. Nel primo caso, la tassa va versata direttamente al notaio,che a sua volta la verserà allo Stato, ed è prevista l’applicazione di un’aliquota proporzionale del 2%sul valore dell’immobile. Anche nel caso di acquisto effettuato da una società la tassa deve essere pagata al notaio, ma è previstal’applicazione dell’IVA agevolata al 4%sul valore di cessione dell’immobile.

Imposta di registro per la seconda casa

Per quanto riguarda la compravendita di una seconda casa, se l’acquisto avviene da un privato o da un’impresa esente da IVA l’imposta di registro è pari al 9% sul prezzo totale dell’immobile, e non potrà in ogni caso mai essere inferiore a 1000 euro. Per un acquisto effettuato da un’impresa soggetta a IVA (in genere al 10%, per gli immobili di lusso al 22%), la tassa di registro è fissa a 200 euro, poiché l’atto risulta soggetto a IVA con aliquota ridotta del 10%.

Imposta di registro per la locazione

L’imposta di registro per i contratti di affitto varia in base al tipo di immobile:

  • Per le abitazioni corrisponde al2%del canone annuo di locazione moltiplicato per il numero di anni di contratto.
  • Per i fondi rustici è pari allo0.50% del canone annuo moltiplicato per il numero di anni di contratto.
  • Per i fabbricati strumentali per natura con affitto da parte di privati esenti da IVA è  l’1% del canone annuo,il 2% negli altri casi.
  • Per tutti gli altri immobili la tassa corrisponde al 2% del canone annuo per gli anni di contratto. 

In alcuni casi, per l’affitto di abitazioni fra privati è possibile risparmiare scegliendo il regime della cedolare secca, che prevede il versamento di una tassa sostitutiva rispetto all’imposta di registro.

Gli articoli più letti

Condividi