Giovane coppia entra nel loro nuovo appartamento in affitto

Casa: come è cambiato il mercato degli affitti

Brusca frenata per il comparto dell’affitto di immobili nel primo semestre di questo 2020, che risente dei pesanti effetti del Covid-19. A mettere in luce questa dinamica ci hanno pensato le recenti rilevazioni condotte dall’Ufficio Studi Tecnocasa che si è occupato di tracciare il nuovo volto del mercato immobiliare delle locazioni durante l’emergenza sanitaria.

Stai pensando di vendere casa?

Con RockAgent vendi il tuo immobile in 45 giorni, risparmiando sulle commissioni.

Un trend che si interrompe

Un segmento, quello dell’affitto, che da anni non attraversava momenti così difficili: il grande boom delle locazioni turistiche, infatti, aveva portato a una marcata contrazione dell’offerta residenziale che di conseguenza aveva registrato un’impennata dei canoni. Il Covid però ha interrotto questo trend, con lo stop del turismo e un uso dello smart working sempre più massiccio, che hanno portato i nostri connazionali a rivalutare il proprio ambiente domestico, con una riduzione della domanda che ha creato di conseguenza più margine d’offerta.

Numeri alla mano

Stando a quanto evidenziato da Tecnocasa, i contratti di locazione nel primo semestre del 2020 hanno visto una contrazione dei loro canoni dello 0,2% per i monolocali e dello 0,9% per i bilocali e i trilocali.

Chi è alla ricerca di una casa da affittare? Il 74,7% lo fa per individuare una soluzione abitativa stabile, cifra in leggera crescita rispetto a un anno fa quando si posizionava sul 71,4%. Si tratta di un campione che non dispone del budget necessario a concludere l’acquisto di una casa oppure preferisce in generale l’affitto.

Si contrae notevolmente la percentuale di coloro che ricercano un immobile in affitto per motivi lavorativi, che passa dal 25,9% al 22,6%, a causa del ricorso sempre più esteso da parte delle aziende allo smart working. Rimane Milano la città italiana dove si continua a ricercare casa in affitto per ragioni professionali, anche se su base annua la domanda si è abbassata del 10%. Diminuisce anche la percentuale dei single alla ricerca di immobili in locazione che su base annua passano dal 54,5% al 53,8%. Aumentano i contratti a canone concordato (dal 29,5% al 31,4%) e quelli transitori (dal 15,4% al 16,6%), mentre diminuiscono quelli a canone libero (55,1% contro 52,0%). Per ciò che riguarda la scelta dei contratti transitori, questa si deve alla volontà dei proprietari, che prima adibivano le case a fini turistici, di non vincolare per periodi troppo lunghi gli immobili, in modo da poterne nuovamente fruire per quando il settore turistico ripartirà.

Gli articoli più letti

Condividi